Sapere quante ore bisogna dormire per notte è importante per stare bene di giorno. Ognuno ha dei ritmi circadiani da rispettare per recuperare le forze e questi ritmi cambiano in base all’età e alle energie spese nel quotidiano. Alla qualità e alla quantità di sonno è anche legato lo stato di salute, specie in età adulta.

Quante ore bisogna dormire per star bene

E’ una domanda alla quale non si può dare una risposta univoca. Durante il corso della vita l’esigenza legata a quante ore bisogna dormire per notte è molto diversificata. I neonati per esempio dormono per la maggiore parte del giorno, circa 15-17 ore, intervallate quasi esclusivamente dalla poppata. Con il tempo questo bisogno di sonno si assottiglia e rimane stabile. Dai 2 fino a circa i 7 anni il riposino pomeridiano è di circa 1 o 2 ore, anche se intorno ai 12 anni si dorme ancora per circa 10 ore a notte.
I genitori devono essere consapevoli di quante ore bisogna dormire per tutelare la salute dei loro bambini. Alcuni di questi infatti potrebbero manifestare la cosiddetta “sindrome da iperattività” e non riuscire a recuperare tutte le energie spese all’asilo, a scuola o nei giochi. Significa mettere a dura prova anche la lucidità mentale, che viene penalizzata da una stanchezza accumulata. Per questo bisognerebbe consultare il pediatra nel caso si noti che il bambino dorme troppe poche ore per notte (di solito meno di 7).

Quante ore bisogna dormire durante l’adolescenza

L’adolescenza è il periodo subito precedente alla vita adulta ed è quindi di passaggio. Il riposo in questa stagione della vita è quindi molto influenzato anche dai ritmi durante il giorno, dagli impegni a scuola, dalle attività sportive e ricreative, ecc.
Un ragazzo dai 12 ai 18 anni ha bisogno di almeno 9 ore per notte se non di più, perché il cervello e il fisico possano recuperare le forze per iniziare si lancio un nuovo giorno. Dormire poche ore per un adolescente significa rischiare di essere predisposti all’ipertensione, ma anche all’irritabilità, alla scarsa concentrazione, alla sonnolenza durante il giorno e ad altri disturbi che potrebbero portare a un forte calo del rendimento scolastico.

Secondo le varie ricerche che periodicamente conduce la National Sleep Foundation in Texas, è importante che a questa età non vengano superate le 12 ore di sonno per notte. Il corpo risente di un riposo prolungato, soprattutto per quanto riguarda la respirazione e la postura. Sapere quante ore bisogna dormire a notte è importante per una resa migliore e per preservare la salute anche nell’età adulta.

Quante ore bisogna dormire nella vita adulta

Gli adulti hanno un ritmo di vita molto diverso rispetto a quello degli adolescenti e, anche in questo caso, la National Sleep Foundation ha suggerito che è importante dormire almeno 7 ore per notte, e mai meno di 5 o più di 9. Il range in questo caso è molto stretto e indica quanto è importante avere un equilibrio nell’essere consapevole di quante ore bisogna dormire per stare bene.
Le conseguenze di una quantità di ore di sonno e anche di una qualità pessima, potrebbero essere davvero fatali per la salute. Lo afferma una ricerca condotta nel 2005 su un campione molto rappresentativo di 30.397 persone adulte dalla West Virginia School of Medicine nella città di Morgantown (Stati Uniti). I risultati sono stati molto chiari e poco incoraggianti, perché dormire poco o troppo predispone alle patologie correlate a questi estremi nel riposo notturno. I casi di patologie cardiovascolari riscontrati sono stati 2.146 e in soggetti che hanno dichiarato di dormire poco o molto rispetto alle ore necessarie. Le donne e gli uomini over 65 rischiano di mettere a dura prova il loro sistema cardio vascolare, esponendolo potenzialmente a una probabilità più alta del 50% di avere un episodio come infarto, ictus, angina, trombosi, ipertensione.
Dormire poco e male in particolare espone alla tendenza all’obesità, a cui sono legate altre patologie del sonno come le apnee notturne, che a loro volta affaticano il sistema cardiovascolare, ma anche il cervello, messo a dura prova dalla carenza di ossigeno.
Infine, il soggetto che dorme male evidenzia nervosismo e stanchezza diurna, pericolosa quando si sta guidando o è necessario mantenere alti i livelli di attenzione.
Sapere quindi quante ore bisogna dormire potrebbe anche diventare utile come una variabile da comunicare al proprio medico, in modo da inquadrare lo stato di salute generale di un paziente. Resta comunque inteso, tuttavia, che sapere quante ore bisogna dormire a notte non implica che sia un dato che deve andar bene per tutti e che la necessità di sonno è diversa per ognuno. Si chiamano infatti ritmi circadiani quelli che il nostro “orologio biologico” imposta per mantenere in equilibrio il ritmo sonno-veglia e per ognuno è unico e si adegua alle esigenze della quotidianità.

Quante ore bisogna dormire a notte per un anziano

Negli anziani dopo i 65 anni il bisogno di sonno è pari a quello degli adulti, con le stesse limitazioni in eccesso o in difetto. Tuttavia l’avanzare dell’età rende più difficile avere un risposo soddisfacente. Il sonno è regolato da un ormone detto melatonina che in età avanzata o comunque dopo i 60 anni comincia ad avere degli squilibri e a creare problemi nel riposare la notte in modo continuativo. E’ l’ipofisi che è deputata a secernere questo ormone, che può risentire anche dei picchi di stress. Di solito i suoi livelli sono massimi proprio di notte e in particolare tra le 2 e le 4 mattino. E’ questo il momento in cui si passa alla fase REM del sonno, che è quello profondo, durante il quale si sogna e il cervello riesce a liberarsi dalle tensioni e dallo stress accumulato durante il giorno. Non solo la melatonina consente di avere un sonno profondo, ma anche un riposo senza interruzioni.
Il sonno degli anziani non è soltanto disturbato dalla difficoltà di dormire, ma anche dall’assunzione di farmaci o da patologie legate all’avanzare dell’età. Ci sono casi in cui anche la depressione senile intervenire a creare problemi nel riposo, ma non perché si dorme poco, bensì perché le ore di sonno sono eccessive.
Il fatto di sapere quante ore bisogna dormire per stare bene è comunque legato per tutti a un materasso comodo, a un ambiente con la giusta temperatura (non eccessivamente fredda o calda), con poca luce e lontano da fonti di rumore o dispositivi che emettono onde elettromagnetiche.